Kežmarské Hut, l'avveniristico progetto dello studio Atelier 8000





“Kežmarské Hut” è il progetto innovativo proposto dallo studio architettonico Atelier 8000 per un contest internazionale che mira alla creazione di uno chalet situato sui Monti Tatra, tra il confine slovacco e polacco. L’edificio proposto non passa certo inosservato per la sua forma e posizione; si tratta infatti di un volume a forma di cubo che giace “ruotato” su uno dei suoi angoli, come se fosse piombato giù direttamente dal cielo. Ideato per donare un’idea di leggerezza e spensieratezza, lo chalet sarebbe destinato ai viaggiatori che visitano la catena montuosa e potrebbero godere in questo modo di sosta rigenerante e insolita. Un'abitazione/rifugio La struttura, un vero lodge sostenibile per gli escursionisti che si avventurano in questo posto sperduto in qualunque periodo dell'anno.
L'autonomia a livello energetico è garantita dalla stessa superficie del cubo, pensata di pannelli in vetro con sezioni fotovoltaiche all'interno. Da qualunque punto il sole ne colpisce la superficie è garantito il corretto approvvigionamento di energia. Gli interni, sono caldi e accoglienti interamente rivestiti in doghe di abete rosso e gli arredi sono in legno massiccio. Cosa ne pensate?