L’affichage sauvage di Sophie




Si chiama “Affichage Sauvage” il progetto di Sophie, fotografa francese che riesce ad unire i suoi scatti con la street art e una creatività inaspettata. Come? Semplice, Sophie realizza dei ritratti di animali di grandi dimensioni che poi posiziona, senza lasciare nulla al caso, in specifiche parti della città di Parigi. Tutto è utile, apparentemente casuale, ma in realtà studiato nel dettaglio. Così con la sua arte muri, cassette della luce, angoli e porte diventano elementi d’arredo di questo zoo urbano decisamente affascinante che coinvolge e non lascia indifferenti coloro che vi passano accanto. L'artista afferma:

"Non incollo mai a caso, preparo ogni installazione in modo minuzioso. L’animale deve trovare la sua collocazione nello spazio, nel quartiere, nella strada: la lucertola esce da una fessura, il gufo si poggia su un davanzale, due struzzi si scambiano tenerezze in disparte".




Le foto si integrano perfettamente nell’ambiente urbano circostante, seppur creando effetti di straniamento. Il tono neutro utilizzato in ogni scatto, permette a ognuno di creare la propria storia. 





"Ho voluto trasformare il lavoro solitario del fotografo in un’occasione per avvicinarsi  al pubblico. Quando incollo, molti si fermano a guardare, fanno domande, spiegano le loro impressioni. E ciò arricchisce il mio lavoro".